Shopping cart
0,00 €

Riesling Cuvée Europe

Disponibile

Riesling Cuvée Europe – Dopff au Moulin

Questo Riesling può essere facilmente messo in tavola come un ottimo esempio di Riesling alsaziano e probabilmente non deluderà nessuno.

Il tipico frutto del Riesling, con molti aromi di pesca e drupacee, salta direttamente fuori dal bicchiere. Inoltre c’è una delicata mineralità che ben si sposa con il vino. Molto succoso al palato, con una presenza di acidità ed un frutto letteralmente da mordere.

Può essere usato universalmente o semplicemente bevuto da solo, senza possibilità d’errore.

28,00 

AOC
Categoria: Provenienza:

Specifiche

Tipologia Bianco
Denominazione Riesling Cuvée Europe - Dopff au Moulin
Annata 2020
Alcol 12.50%
Nazione Francia
Temperatura di Servizio 8°/10°
Fermentazione e Affinamento Una selezione dei migliori grappoli segue il processo di vinificazione che ha inizio con una lunga pressatura. Segue fermentazione a temperatura controllata e maturazione per alcuni mesi in contenitori di acciaio.
Uvaggio Riesling 100%
Note Contiene Solfiti

Storia del Produttore

Dopff au Moulin

Nel corso del XVII secolo, Jean-Daniel Dopff, figlio di un pastore, si stabilisce a Riquewihr come mastro fornaio e locandiere della taverna “Cervi”. Suo figlio, Balthazar-Georges, nato a Riquewihr nel 1667, è mastro bottaio. Quattro generazioni si sono susseguite così fino a quando Jean Dopff, due secoli dopo, si afferma come “gourmet” (mediatore giurato di vini).

Dopo di lui, suo figlio Jean-Gustave si concentra sulla creazione della tenuta di famiglia. Nasce la Tenuta Dopff. Gustave-Julien Dopff è l’architetto dell’ampliamento della Tenuta durante la prima metà del XX secolo. Da allora, con lo stesso entusiasmo, i membri della famiglia Dopff si sono tramandati, di generazione in generazione, i segreti di questa divina alchimia che unisce sottilmente terroir e vitigno. Indietro nel tempo, situata nel cuore del centro storico di Riquewihr nella “Deer Mansion”, la Dopff Estate aveva bisogno di trovare un posto dove espandersi. Così, Gustave-Julien si trasferì fuori dalle mura della città e si stabilì nella periferia “Au Moulin”. Dal 1925 in poi, la Tenuta è radicata in questo luogo mitico, sotto il famoso e maestoso Schoenenbourg, uno tra i 51 Grands Crus d’Alsazia.

Julien Dopff, un pioniere dedito alla viticoltura alsaziana. Personalità innovativa, scopre una dimostrazione pratica del cosiddetto “Méthode Champenoise”. Decise di applicare ai vini alsaziani questo metodo che si sposava così bene con lo Champagne. Nel 1976, sollecitato da Pierre Dopff, prende vita AOC Crémant d’Alsace. E che successo: 40 anni dopo, rappresenta più del 50% di tutti i Crémant immessi sul mercato.

Un grande risultato che Pierre-Etienne ha costantemente sviluppato sia a livello regionale con la Denominazione Crémant d’Alsace sia all’interno della Tenuta Dopff con la creazione della nostra attuale gamma di prodotti.

Dopff, inventore della bottiglia-flauto

Nel 1913, colpisce ancora con l’idea di commercializzare vini imbottigliati “flute” con quell’eleganza che distingue ancora l’Alsazia dagli altri vini. Non è stato un compito facile combattere la resistenza e dimostrare la soddisfacente conservazione dei vini alsaziani imbottigliati. Julien Dopff ha deciso di far viaggiare avanti e indietro alcuni di loro dall’Alsazia all’Australia. La dimostrazione è stata così brillante che ha ricevuto la più alta onorificenza possibile dalla giuria dell’Esposizione di Strasburgo: una medaglia d’argento con la menzione: “per un risultato particolarmente riuscito”.

Nel 1972, l’esattezza dell’idea di Julien Dopff fu sancita da un decreto che rendeva obbligatorio l’imbottigliamento dei vini alsaziani nella loro regione di produzione.

 

Informazioni aggiuntive

Nazione