Shopping cart
0,00 €

Nebbiolo Perbacco

Disponibile

Nebbiolo Perbacco

Fruttato con sentori di menta, spezie e caramella.

Tannini rotondi ed eleganti si aggiungono ad un finale lungo e raffinato.

Robusto, intenso, potente in gioventù; complesso, elegante con l’invecchiamento.

30,00 

DOC
Categoria: Provenienza: ,

Specifiche

Tipologia Rosso
Denominazione  Langhe D.O.C. Nebbiolo
Annata 2021
Alcol 14.50%
Nazione Italia
Regione Piemonte
Temperatura di Servizio 16°/18°
Fermentazione e Affinamento Dopo la fermentazione malolattica, l’affinamento continua in legno (barriques e botte grande) per circa 18/20 mesi, al termine del quale viene assemblato in acciaio per l’imbottigliamento.
Abbinamento Carni rosse, formaggi misti con miele Bio.
Uvaggio Nebbiolo 100%
Note Contiene Solfiti

Storia del Produttore

Sono trascorsi quasi 150 anni dalla sua nascita. Era infatti la fine del 1800 quando Carlo Vietti creò, nel cuore delle Langhe, sul punto più alto del borgo medioevale di Castiglione Falletto, la cantina Vietti. Nello stesso luogo dove, ancora oggi, si trova.

Nel 1917, di ritorno dopo numerosi anni trascorsi negli Stati Uniti, Mario Vietti, figlio di Carlo, prende le redini dell’azienda, trasformandola in una realtà vitivinicola atta alla produzione di vini di alta qualità.

Alla fine degli anni ’50, Alfredo Currado, marito di Luciana Vietti, enologo ed estimatore d’arte, mette in relazione la grande esperienza della famiglia Vietti e nuove intuizioni, capaci di intrecciare i saperi vitivinicoli all’arte e alla cultura.

Nel 1961 viene realizzato uno dei primi Cru di Barolo, il Rocche di Castiglione e nel 1967 avviene la prima vinificazione in purezza dell’Arneis. A partire dal 1974, i vini sono accompagnati da Etichette d’Autore. Il marchio Vietti diviene così icona e alfiere di alcune delle più importanti rivoluzioni dell’epoca.

L’eredità intellettuale, professionale e prospettica di Alfredo Currado e Luciana sarà raccolta prima, nel corso degli anni ’80, dal genero Mario Cordero e poi, a partire dagli anni ’90, dal figlio Luca Currado Vietti, successivamente accompagnato dalla moglie Elena.

Impegno e visione, cultura e passione. Sono queste le parole chiave che hanno contribuito alla crescita del marchio Vietti, oggi universalmente riconosciuto tra le migliori etichette di vino italiane. La strada della qualità viene solcata grazie al rispetto della tradizione e di un’attenta sperimentazione, dove uomo e terra hanno sempre saputo dialogare.


Nel 2016, la cantina viene acquistata dalla Famiglia Krause. Ancora una volta, sono le intuizioni dell’uomo a fare la differenza. Kyle Krause decide infatti di estendere le proprietà vitivinicole con nuovi, rinomati, Cru sia nella denominazione del Barolo, sia del Barbaresco. A questi si aggiunge anche il Timorasso, grazie all’acquisto di appezzamenti e vigneti nei Colli Tortonesi.

Con l’inizio del 2023, Luca Currado Vietti, insieme alla moglie Elena, lascia la cantina. L’eredità è raccolta dalla famiglia Krause, già proprietaria dal 2016, alfiere del nuovo futuro del marchio Vietti.

Con il progredire delle stagioni, anche l’azienda è cresciuta e l’attenzione al miglioramento è presto diventata un vero e proprio stile distintivo della cantina. Proprio come la selezione e la cura in vigna. Oggi Vietti conta all’interno del suo patrimonio alcuni dei vigneti più pregiati e rappresentativi della zona del Barolo e del Barbaresco.

Vietti mantiene, oggi come allora, quei valori fondanti, gli stessi che animarono prima Carlo Vietti e poi tutti i suoi successori. Guarda al futuro con prospettive ancora più promettenti e stimolanti. Ogni vino è il risultato di un lavoro artigianale della comprensione e dell’interpretazione di ogni singolo terroir. Vietti è così il luogo dove l’intelligenza delle mani, applicata in vigna e in cantina, incontra la visione.