Shopping cart
0,00 €

Châteauneuf du Pape
Cuvée Réservée

Disponibile

Andrè Brunel Chateauneuf du Pape 2020

Questo grande vino mostra un bellissimo e profondo colore granato.
Il naso è complesso ed elegante con aromi di frutta nera, note di timo e lavanda.

In bocca, è ricco e voluttuoso, con una bella rotondità e tannini morbidi.
Altri aromi di buccia d’arancia, note di garrigue e pepe bianco ritornano sul palato.

Si raccomanda di decantarlo per mezz’ora prima di servirlo.

55,00 

Categorie: , Provenienza:

Specifiche

Tipologia Vino Rosso
Denominazione Brunel Lex Cailloux Chateauneuf du Pape Rouge Cuvée Rèservèe
Annata 2020
Alcol 14.00%
Nazione Francia
Temperatura di Servizio 16°/18°
Fermentazione e Affinamento Le uve sono raccolte manualmente da più appezzamenti: "le Bois de la Ville" e "les Serres" il cui letto di ghiaia molto povero e molto filtrante permette un drenaggio ottimale dell'acqua e quindi l'ottenimento di un succo molto concentrato, "Farguerol" e " Cansaud" le cui argille rosse e blu sono all'origine di un'estrema ricchezza aromatica,"Cabrières" e "Revès" il cui calcare nella sua forma gessosa porta struttura e lunghezza.
Abbinamento Agnello alla brace, grigliata mista di carne, galletto cotto al mattone
Uvaggio 70% Grenache, 17% Mourvèdre, 10% Syrah, 3% Cinsault
Note Contiene Solfiti

Storia del Produttore

Brunel Andre Les Cailloux

La nostra famiglia è presente nella regione di Châteauneuf-du-Pape dal 17° secolo e si dedica completamente alla produzione di vino da cinque generazioni. A partire dal XVII secolo, l’attività viticola della nostra famiglia è testimoniata dall’acquisto di un appezzamento di vigneto dal vescovo di Avignone a nord della denominazione.

Numerose generazioni si sono susseguite, tutte lavorando nelle vigne, ma è solo nel 1954 che Lucien Brunel ha creato il nome “Les Cailloux” per sviluppare l’attività e promuovere le qualità di vino e le caratteristiche speciali del Domaine. Da quel momento, ci si riferisce al Domaine Les Cailloux.

Nel 1971, André Brunel prese le redini del Domaine. La sua inesauribile motivazione portò ad una rapida crescita del Domaine: riacquisto di vitigni Côtes du Rhône e Vins de Pays, e lancio della famigerata Cuvée del Centenario nel 1989. Ha anche apportato dei cambiamenti considerevoli nel processo di gestione delle vigne, essendo uno dei primi a Châteauneuf-du-Pape ad utilizzare il metodo di copertura del terreno e a procedere con un approccio non chimico alla viticoltura.

Nel 2012, suo figlio, Fabrice Brunel, si è unito all’equipe per continuare la storia di famiglia.

Informazioni aggiuntive

Nazione