Shopping cart
0,00 €

Una al Giorno
“Fra i Monti”

Disponibile

Una al Giorno – Fra i Monti

Una al Giorno di Fra I Monti è un vino rosso affinato in vasche di vetroresina.
Le uve provengono da vigneti situati su terreni argillosi-calcarei a 420 m.s.l.m.
Vendemmia manuale a fine settembre e in cantina, viene diraspata e resta in tino aperto per 20 giorni.
Prosegue il suo affinamento per 8 mesi in vasche di vetroresina 4 mesi in bottiglia. vino non filtrato.

28,00 

Categorie: , Provenienza: ,

Specifiche

Tipologia Rosso
Denominazione Una al Giorno - Fra i Monti
Annata 2022
Alcol 13.50%
Nazione Italia
Regione Lazio
Temperatura di Servizio 16°/ 18°
Fermentazione e Affinamento Affinato in vasche di vetroresina. Le uve provengono da vigneti situati su terreni argillosi-calcarei a 420 m.s.l.m. Vendemmia manuale a fine settembre e in cantina, viene diraspata e resta in tino aperto per 20 giorni. Prosegue il suo affinamento per 8 mesi in vasche di vetroresina 4 mesi in bottiglia.
Abbinamento Dolci secchi della casa, agnello alla brace, salsiccia di monte san biagio , costata del salernitano, carne alla brace.
Uvaggio Uve rosse locali
Note Contiene Solfiti

Storia del Produttore

Fra I Monti è una giovane azienda si trova a Terelle, in provincia di Frosinone, e nasce nel 2018.

È guidata da Rocco e dal suo socio Benedetto Leone, che gestiscono anche la locale enoteca. Il progetto parte quando Rocco e Benedetto capiscono che era giusto tornare alla terra con l’ideale che il vino si fà in vigna e non in cantina, e che se il vino deve essere visto come alimento, non può essere che organico, che faccia bene alla salute. Dopo varie esperienze riescono a recuperare vecchi vigneti abbondonati a 1000 m.s.l.m circondati da castagneti. Nei vigneti si trovano uve autoctone come il Maturano, uva bianca quasi completamente estinta, e il Semillion, portato da queste parti dai soldati napoleonici. Tutte le vigne sono allevate in modo biologico senza uso di sostanze chimiche e in cantina si ha un approccio biodinamico, con vinificazioni spontanee, lieviti indigeni e affinamenti in anfore.

Il loro ideale è quello di arrivare ad una produzione di circa 30000 bottiglie e non di più, in modo che tutto il processo produttivo sia controllabile. Con la prima annata si sono prodotti due vini a cui si aggiungerà presto un terzo.