Shopping cart
0,00 €

Lazio IGP “Abbuoto”

Disponibile

Abbuoto Bio

Abbuoto con un inizio in bocca fresco e piacevolmente sapido.

Poi il sapore si fa poi più complesso con un tannino elegante, morbido e cremoso. La lunghezza lascia note di cannella e caffè.

18,00 

BIO
Categorie: , Provenienza: ,

Specifiche

Tipologia Rosso
Denominazione Abbuoto Bio
Annata 2020
Alcol 14.00%
Nazione Italia
Regione Lazio
Temperatura di Servizio 18°/20°
Fermentazione e Affinamento Fermentazione spontanea termocontrollata con lieviti indigeni in acciaio inox
Abbinamento Agnello alla brace, galletto ruspante, quaglia alla brace.
Uvaggio Abbuoto 100%
Note Contiene Solfiti

Storia del Produttore

L’Azienda Agricola Monti Cecubi si trova a Itri, sulle colline a vista del mare di Sperlonga, terra d’origine dell’antico Vino Cecubo, tradizione risalente all’epoca della Roma repubblicana.

Numerose sono le testimonianze di poeti latini sulla produzione di questo vino storico, di cui ne vengono decantate le qualità organolettiche, identificandone la precisa collocazione tra Fondi, Itri e Sperlonga.

Orazio, nella seconda ode ricorda che i vini Cecubi erano nascosti, come un bene prezioso sotto cento chiavi, ed erano superiori persino a quelli offerti negli opulenti banchetti dei pontefici. Plinio il Vecchio, in una classifica dei migliori vini indicò per primo il Cecubo, il vino della nostra terra, tra le colline di Fondi e quelle di Formia. Columella poi, nel De Re Rustica, individuò il sito di produzione del miglior vino dell’ Impero romano sulle alture sopra la Spelunca, oggi Sperlonga. Ora il Vino Cecubo è tornato sulle nostre terre grazie alla riscoperta della viticultura biologica nell’ambito di questo fecondo territorio ricco altresì di bellezze naturalistiche. I Monti Cecubi sono situati tra foreste di sughere sulle alture che si protendono dalla costa di Sperlonga.

La composizione del terreno, l’esposizione, l’influenza del mare, l’escursione termica, forniscono ai nostri vigneti la capacità di produrre vini intensi, freschi e longevi, unici come la tradizione dell’antico vino.